Agricoltura Biologica Storani

Vendita diretta di frutta, verdura e prodotti bio


Lascia un commento

Il cavolo nero e la Ribollita toscana

Cosa si può fare con il cavolo nero di toscana?

Come si usa?

20141019_121309[1]

Innanzi tutto è importante sapere che solo le foglie vanno usate e il gambo va eliminato.

20141019_121608[1]

Il cavolo nero si può cuocere a vapore, in padella o stufato ma ‘la morte sua’ è sicuramente nella Ribollita.

La Ribollita è una zuppa tipica toscana che prende il nome dal fatto che veniva fatta bollire e ribollire a lungo.

È un tipico piatto “povero” di origine contadina che quindi prevede ingredienti semplici e genuini.

La preparazione è abbastanza semplice ma necessita di molto tempo.

Questa è la ricetta che ci è stata confidata da un vero toscano…

 

LA RIBOLLITA TOSCANA

Ingredienti per 4 persone

  • 4 fette di pane toscano raffermo
  • 8 foglie di cavolo nero
  • 1/4 di cavolo verza
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 200 g di pomodori (oppure salsa di pomodoro)
  • 100 g di fagioli cannellini secchi
  • 1 costola di sedano
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Tempo di cottura: 3 ore

Cuocete i fagioli dopo averli tenuti a bagno una notte (non buttate l’acqua di cottura).

Mettete in una pentola molto ampia la cipolla tritata, la carota e il sedano con l’olio d’oliva e fate andare a fuoco basso.

Nel frattempo lavate la verza e tagliatela a pezzetti, quando gli ingredienti saranno stufati aggiungete il cavolo verza e un po’ di acqua di cottura dei fagioli.

Nel frattempo pulite il cavolo nero eliminando le costole centrali.

Lavate e tagliate a pezzetti il cavolo nero.

Quando la verza è appassita aggiungete nella pentola il cavolo nero.

Schiacciate con una forchetta i fagioli (la maggior parte dovranno essere ridotti in crema) e aggiungeteli.

Aggiungete i pomodori e, se necessario, l’acqua di cottura dei fagioli alla zuppa e fate bollire ancora.

Dopo che la zuppa avrà bollito per almeno 2 ore prendete il pane raffermo e disponetelo su di un’altra pentola.

Versate sopra il pane un po’ di zuppa, poi ancora un po’ di pane e ancora zuppa procedendo per strati.

Lasciate riposare ed inzuppare il pane e riaccendete il gas a fiamma bassissima (per non far attaccare il tutto) e iniziate a mescolare; se necessario aggiungete un altro romaiolo di minestrone con il suo brodo, continuate a girare e far ribollire fino ad ottenere una crema morbida ed omogenea.

La ribollita è pronta!

Buon appetito!

 

20141019_163704[1]